Il tuo piercing è guarito?

Quando il tuo piercing sarà guarito devi scegliere accuratamente il giusto materiale per il nuovo piercing.
Il materiale migliore in assoluto che consigliamo è il Titanio questo perché è estremamente leggero e resistente, ha una grandissima biocompatibilità ed è completamente esente da nichel.
Nel caso in cui si pratichi sport particolari, è possibile utilizzare il PTFE (politetrafluoroetilene), perché è un materiale flessibile e quindi e attenua per sua stessa natura le torsioni e gli urti. È consigliato anche alle donne nei primi mesi di gravidanza che hanno piercing all’ombelico, perché questo materiale si adatta molto bene alla forma del corpo. E’ esente da nichel.

Un altro materiale che si utilizza molto spesso è l’Acciaio Chirurgico 316LW. L’acciaio chirurgico di Wildcat al contrario di altre marche NON contiene tracce di nichel, è nichel FREE quindi può essere utilizzato anche su chi è allergico.
Altri materiali utilizzati spesso per i lobi sono il legno ed il corno che non contengono nichel e sono comunque leggeri. La lavorazione di questi materiali è però importantissima dal punto di vista delle levigazioni e geometrie che vengono realizzate. Diffidate dai prodotti “troppo artigianali” ed a basso costo.

Lo sapevate che non tutti possono avere i piercing che amano?

Per ogni piercing bisogna controllare la fattibilità cioè se il posto scelto per il piercing sia veramente idoneo.
Nel caso in cui il punto lo sia si procede, nel caso in cui non sia possibile, i piercer professionisti e professionali non eseguono il lavoro.
Fare un piercing in un punto non idoneo può creare diversi problemi, quindi scegli bene il tuo piercer.

Il Piercing al naso

Il piercing al naso, uno dei più in voga e femminili, è in realtà antichissimo.
Molti popoli tribali erano soliti praticarlo. Troviamo le sue tracce già tra gli aborigeni australiani, nei popoli del Medio Oriente e presso i nativi americani. Per questi ultimi, ad esempio, era utilizzato dal capo tribù per indicare il suo status sociale elevato.
Il principale popolo che dava un’importanza molto elevata a questo particolare piercing è stato quello indiano. Più di recente è stato rilanciato dalla sottocultura Hippie e praticato nella narice sinistra, appunto in onore della tradizione indiana. In poco tempo è diventato un simbolo di ribellione associabile alle sottoculture Punk, Rock e Gothic.
Oggi ha perso questo suo significato ed è diventato di uso comune, soprattutto per chi si avvicina per la prima volta al mondo del piercing ed è purtroppo uno dei piercing peggiormente eseguiti, quasi sempre fatto con la pistola. L’esecuzione storta del canale del foro e la non perpendicolarità dell’esecuzione rispetto alla narice impediscono una corretta guarigione e l’intercambiabilità dei gioielli.

Pratichi sport ed hai piercing?

Lo sai che esistono piercing di un materiale chiamato PTFE (politetrafluoroetilene), leggeri e flessibili e che quindi non ti daranno fastidio nei tuoi allenamenti.
Qui da noi trovi questo tipo di piercing e di tanti altri materiali tutti marchiati Wildcat, leader nel settore.

Gioielleria Wildcat in scontistica a Dicembre

Informiamo i nostri clienti che Evil Machines per tutto il mese di Dicembre offrirà numerose offerte su tutta la gioielleria Wildcat in campionario.
Acciaio chirurgico 316LW (senza nichel), titanio, PTFE, argento 925; ogni tipo di gioelli marchiati Wildcat, leader nel settore del Piercing.
Venite a trovarci in Via Alba, 61 – P.zza Re di Roma, tutti i giorni dal lun al sab ore 13 -20.
Grazie!