DOMANDE

Scegliere da chi farsi tatuare o pierciare solo in base  ai requisiti tecnici sanitari (Attestato Regionale e NOTS), magari in casa o in centri estetici, non è purtroppo sempre la scelta più saggia…

Presso Evil Machines si è data sempre una grande rilevanza all’aspetto dell’ igiene generale dello studio, del materiale sterile e monouso che viene usato  (aghi, colori, vaselina, guanti, rasoi, carta) e alla protezione con involucri monouso delle attrezzature manipolate durante il tatuaggio ed il piercing.

La qualità dei colori, degli aghi, delle macchine, dei prodotti di disinfezione e di sterilizzazione e degli altri materiali è sempre in costante aggiornamento e sempre al top della gamma, come anche le certificazioni, le schede tecniche e di sicurezza. Nel nostro studio i rifiuti sono smaltiti da una ditta privata con il ritiro dei rifiuti speciali, come previsto dal protocollo sanitario.

divform

Scegliete sempre professionisti che hanno uno studio di tatuaggi: sono la garanzia per la vostra salute!

divform

– Che cosa accade nei giorni seguenti al tatuaggio?

Il tatuaggio comporta una lesione superficiale della cute. IL PROCESSO DI GUARIGIONE dura 3/5 settimane. Prevede due fasi: una di CICATRIZZAZIONE e una di NORMALIZZAZIONE. Il processo di cicatrizzazione inizia subito dopo il tatuaggio: si caratterizza con la formazione di “crosticine” o “pellicine”, che iniziano a cadere nell’arco di 1/2 settimane.
Al processo di cicatrizzazione segue quello di normalizzazione: la pelle si presenta come secca e argentea, spesso causando prurito. Questa fase ha una durata variabile a seconda della pelle del soggetto e della zona tatuata: di solito circa 2/3 settimane (il tempo necessario per il turnover cellulare): durante questa fase il tatuaggio esfolia ancora e la pelle ha quindi bisogno di essere idratata più o meno intensamente a seconda del suo grado di secchezza attuale per normalizzarsi del tutto.

– Quanto tempo impiega il tatuaggio a guarire?

Il tempo di guarigione è soggettivo e può essere più o meno lungo, a seconda dell’ attenzione che si dedica alla cura e alla regione del corpo tatuata. Oggi con l’utilizzo di Kit specifici per la cura del tatuaggio, il tempo di cicatrizzazione e di normalizzazione (per info vedi: “- Che cosa accade nei giorni seguenti al tatuaggio?”) si sono molto ridotti rispetto al passato, consentendo così migliori risultati: in media dopo soli 3 giorni il tatuaggio già inizia a spellare (invece di 1/2 settimane!). La normalizzazione avviene entro 1/2 settimane (invece di 2/3 settimane!) . UTILIZZANDO I SPECIFICI KIT DI CURA il tatuaggio guarisce nell’arco di 10/18 giorni, …invece di 3/5 settimane!

– Posso fare la doccia dopo il tatuaggio?

Si, utilizzando per lavare il tatuaggio solo l’apposito sapone gel antibatterico.

Se lo shampoo o il bagnoschiuma scivolano sul tatuaggio non c’è alcun problema: evitate però di lavare direttamente la parte tatuata con i normali saponi.

– Con cosa devo coprire il mio tatuaggio?

Il primo giorno e la prima notte il tatuaggio deve essere coperto con la pellicola (per info vedi: “- Come devo curare il mio tatuaggio appena fatto?”). A volte, anche la seconda notte, è il caso di coprire il tatuaggio con la pellicola se appare ancora troppo fresco.

Avendo utilizzato il kit di cura del tatuaggio il vostro lavoro guarirà in circa sette giorni, evitate durante questo periodo il contatto diretto con indumenti di lana e sintetici. Utilizzate cotone 100% (non indumenti felpati) come camicie e t-shirt. Abbiate l’accortezza nei primi 2/3 giorni di utilizzare solo indumenti puliti e  cambiarli spesso, per evitare prolificazioni batteriche sui vestiti dovute al siero del tatuaggio in via di guarigione.

Se NON avete utilizzato il kit di cura specifico dovrete attendere più a lungo.

– Mentre guarisce il tatuaggio mi prude, e’ normale?

Sì, questo accade di solito dopo la prima settimana e perdura per un mese circa, in alcuni casi dove la pelle è più spessa anche due.

Per ottenere sollievo picchiettare la parte tatuata (non massaggiare) con pochissima crema riparatrice. In casi di forte prurito utilizzare spesso la CREMA RIPARATRICE del kit o della NIVEA SOFT, ripetuta al bisogno.

Evitate assolutamente di grattare: peggiorerebbe nelle ore e nei giorni successivi la sensazione di prurito!

– Quando posso esporlo al sole?

La pelle ha bisogno di circa UN MESE per completare il turnover cellulare e per riacquistare la sua funzione protettiva ai raggi solari; quindi l’esposizione al sole diretta e prolungata o alle lampade solari, prima di questo periodo, è scongliata poichè permetterebbe alle radiazioni solari di penetrare in profondità causando più facilmente eritemi solari, scottature o danni alla cute. Dopo il primo mese, ed in generale anche in seguito, proteggere la zona tatuata con una protezione solare con almeno fattore 30 è la cosa più intelligente da fare: evitando così alterazioni della chimica dei pigmenti dovuta alle radiazioni solari.

– Posso fare saune, bagni termali, piscina o bagni al mare?

Avendo utilizzato il kit di cura del tatuaggio il vostro lavoro guarirà in circa sette giorni. Per la PRIMA SETTIMANA perciò la ferita è da considerarsi ancora fresca: l’immersione in questi liquidi può compromettere la normale guarigione e danneggiare gravemente  il colore del tatuaggio.

Se NON avete utilizzato il kit di cura specifico il vostro tatuaggio potrebbe richiedere molto più tempo prima di essere immerso.

– Posso fare attività fisico-sportiva durante la guarigione del tatuaggio?

Avendo utilizzato il kit di cura del tatuaggio il vostro tatuaggio guarirà più rapidamente:  per i primi 3/5  giorni comunque è fortemente sconsigliato fare attività sportive. In seguito sì, ma fate attenzione a sfregamenti, urti o sudore eccessivo sulla parte.

Se NON avete utilizzato il kit di cura specifico dovrete attendere più a lungo.

– Se vado in palestra e aumento di massa, il mio tatuaggio si può deformare?

No. Solamente con un aumenti molto rapidi e spropositati della massa muscolare (oltre i 10/15Kg) potrebbe deformarsi.

– Durante la gravidanza o l’allattamento è possibile tatuarsi?

No, come per tutte le pratiche che utilizzano pigmenti e coloranti.

– Un tatuaggio sull’addome si rovina dopo una gravidanza?

Di norma no, sempre che la parte tatuata non si trovi in corrispondenza di eventuali profonde smagliature.

– Perché il tatuaggio è indelebile?

Perché il pigmento del colore si deposita nel derma.

– Fa male…E’ doloroso?

Generalmente è considerato più un fastidio che un vero dolore ed è sopportabilissimo. In normali condizioni il tatuaggio non produce sanguinamenti visibili. Sicuramente migliora molto la tolleranza al tatuaggio il fatto di tatuarsi a stomaco pieno e riposati. Essere stanchi o convalescenti peggiora la situazione. L’utilizzo di farmaci va segnalato al tatuatore.

Bere alcool e fare uso di sostanze stupefacenti può procurare malesseri ed eccessiva vasodilatazione, con conseguente sanguinamento e difficoltà di esecuzione.

– Si può tatuare su nei, smagliature, bruciature e cicatrici?

Sui nei no. Sulle smagliature solitamente si, a meno che non siano estremamente profonde. Inoltre il tatuaggio rappresenta un sistema per coprire le smagliature.

Sulle bruciature e cicatrici dipende dall’entità del danno cutaneo.

– E’ sempre possibile coprire o ritoccare un tatuaggio?

Nella maggior parte dei casi no: uno studio SERIO non copre o ritocca “ogni tatuaggio”: solo quelli che permettono una copertura o un ritocco ottimale senza che si vedano differenze, solo se i soggetti sono palesemente orribili o eseguiti da dilettanti. Chi semplicemente si stufa dei propri tatuaggi, anche quando sono ben realizzati, può recarsi altrove. Inoltre a volte rifiutiamo per ragioni etiche di lavoro: non è rispettoso mettere mano al lavoro di altri tatuatori e per ragioni pratiche: spesso c’è troppa differenza artistica! … e a volte per serietà verso i clienti: quando il miglioramento non può essere garantito.